Posts Tagged ‘ammore’

uomo sbagliato vs. fitness (parte III)

10 marzo 2012

ist: signor uomo sbagliato, lei ha qualcosa contro gli stupri tra maschi?
uomosb: veramente sarei un pò all’antica…. cioè, mi piacciono i classici, il sano vecchio stupro uomo-donna, sa com’è.
ist: non si preoccupi, sa perchè nello spogliatoio ci sono i rasoi e la schiuma da barba?
uomosb: per radersi?
ist: no, perchè il venerdì sera prendiamo il più leggero, gli rasiamo le chiappe (e la schiena, se ce n’è bisogno) e poi gliemo buttiamo in culo sotto la doccia.
uomosb: ah, ottimo. posso saltare questa parte dell’allenamento? già che ci siamo, c’è uno che quando si fa la doccia ripete in continuazione “mamma mia, mamma mia”, anche se non parla con nessuno.
ist: è quello del venerdì scorso.
uomosb: ah ecco.

Annunci

ask any girls.

11 febbraio 2012

in questi bei giorni di neve sono riuscito a fottere tutti i file archiviati sul mio hd esterno, e oggi mentre spalavo ho dovuto fare anche legna per riscaldarmi come un primitivo, e nel farlo il mio naso colava così tanto dal freddo che una minuscola scheggia di legna è stata inglobata da una goccia di muco fuoriuscente dalla mia narice destra, ed è rimasta lì per ore! no dico, i miracoli del corpo umano.

ultimamente ho anche deciso di aggiornare il mio book di illustrazioni con qualche schizzo nuovo, e spesso mi viene mossa una critica del tipo “i tuoi personaggi si vestono sempre uguali, sempre felpe con il cappuccio o t-shirt sopra maglie a maniche lunghe”. che palle, anche bart simpson si veste sempre uguale e mica gli scassate le palle a lui, però, eh!

“ma chi cazzo ci va in giro con ste felpe, oggigiorno?” mi chiedono, guardando i personaggi vestiti come me. eh vabbè.

così ho pensato di documentarmi, sono andato in edicola a cercare giornali di moda.

“salve, vorrei… uhm, non so un nome preciso. un giornale di moda.”
“ah, ci facciamo seghe raffinate, eh?”
“no, guardi, mi serv…”
“che c’è, il buon vecchio ChicksWithDicks non la soddisfa più, mr. fancypants?”
“mr cosa? guardi che mi serve per disegnare…”
“ah, eccolo là l’artista, che si sente superiore, mr. “no no a me i giornali di moda servono per disegnare, perchè io sono superiore a questo materialismo…” eh?”
“ma che cazz…”

è ovvio che la neve fa impazzire la gente, e che il mio edicolante ha dei problemi…dopo aver comprato vogue, D (che presumo si chiami donna, o la repubblica delle donne, a giudicare dal sottotitolo) e 4 o 5 copie di “corna vissute”, “prima volta”, “il conte iacula” e pure un video (ragazze con poca autostima e la banda di cornamuse anali) sono tornato a casa e mi sono messo a guardare i giornali.

quelli non porno.

su D ci sono dei titoloni. “ragazze maschio”, ottimo nel caso debba disegnare delle ragazze maschio. cazzo però se poi mi vengono a dire che i miei personaggi sembrano lesbiche poi siamo punto e a capo. dopodichè c’è un bel “comportamenti: io vivo pulito” e il forum di galimberti (ma la gente li legge veramente sti articoli?) con “come si curano i mali dell’anima”. poi ci sono 4 pagine dentro di uno che racconta di quando sua moglie l’ha piantato, e questo ci ha fatto un bel racconto narrativo, e poi ci sono un casino di pubblicità di vestiti, trucchi, fighi e fighe, tanti cosmetici per lui e per lei, reportage di viaggi in birmania, un paginone di alena seredova in reggiseno, e un’intervista a woody allen.

vabbè vediamo vogue italia.
ecco, apro a caso e ci sono dei diamanti. nel sommario i titoli degli articoli sono tutti in inglese…ma non era vogue italia? bho non ci si capisce un cazzo. la sezione moda ha dei titoli come “imaginary fantastic bizarre” e “carolyn”. ah ma c’è l’inserto, vogue beauty! aspetta, c’è pure una foto di una sfilata russa con una tipa vestita come un enorme vibratore rosa fatto di lana e cotone, si vede solo la faccia. poi c’è la pubblicità di un coso per occhi che vanta 4 anni di ricerca, 16 brevetti e 12 volte più volume sulle ciglia. e poi un casino di foto di quello che presumo siano vestiti, ma non si capisce bene. per fortuna la didascalia me lo spiega: “giubbino profilato di gros-grain e pantaloni alla pescatora di cotone stretch, blumarine. gonne di tulle, the comporary wardrobe e carlo manzi.”
è un pò come quando mi davano le traduzioni di tedesco e io capivo solo parole come “casa, cane, sole, 12, martedì”.

alla fine, dopo un’attenta ricerca, ho notato che “corna vissute” era più comprensibile di vogue. però ci sono pochi vestiti da copiare.

social animal

11 luglio 2011

sono in mutande dopo una afosa giornata di lavoro, quindi mi sono detto:

“quale momento migliore per scrivere un bel post sul mio blog zoppicante?”

andiamo indi a incominciar.

l’uomo è un animale sociale, questo lo sappiamo tutti, e in ogni caso basterebbe guardare un video di jenna jameson o laura panerai su you porn per capire che ci piace integrarci in branco.
soprattutto ai fini riproduttivi.
ed è per questo che fin da piccoli, noi cuccioli mammiferai ci inseriamo in numerosi gruppi quali la parrocchia, gli scout, gruppi sportivi o extrascolastici, per arrivare a cose più impegnative in età adulta, vedi gruppi politico/sociali di vario genere, o anche solo circoli sportivi o culturali.
ebbene, il fine ultimo di questi è ovviamente la riproduzione.
eh dai, non venitemi a raccontare che del cucito o dei medici senza frontiere frega un cazzo a qualcuno!
poi si sa, i parrocchiani sono i peggio bestemmiatori dell’intera razza umana, te lo dico io che vanno in parrocchia solo per rimorchiare.

o almeno così dice un caro amico mio, uno saggio. mi ricordo che mentre parlavamo di questo argomento, mi disse, con voce sognante:

“caro amico mio, al mondo ci sono 2 tipi di uomini: quelli a cui piacciono le donne grasse con le tette grosse, e quelli a cui piacciono le donne grasse con le tette piccole.”
“e tu a quale appartieni?” gli chiesi.
“io? a me piacciono i trans.”
e da lì capii cosa ci faceva quella mutanda fallica (dicesi anche strap on, basta digitarlo su you porn e capirete) sul suo comodino.
tuttavia la stima che ho per lui permane.

ma dicevamo, l’uomo è un animale sociale! proprio l’altra sera sentivo il bisogno di esserlo anche io, e quindi decisi di accompagnare un amico ad una festa, imbucandomi.
diciamo che me ne pentii 3 secondi netti dopo, ed ero appena uscito di casa!
“sto migliorando…”pensai. di solito me ne pentivo dopo 10 minuti.

la cosa divertente è che questa socialità si incentra sul futile: sbronza, paglie, droghe leggere, musica a tutto volume. livello di conoscenza: zero barrato.

0

e poi, vogliamo parlare dei social network? cioè, seriamente, dai. tu, utente che ti registri a qualsiasi cosa e che possiedi il mio indirizzo mail, pensi veramente, ma veramente che io abbia bisogno di ricevere una mail da te ogni settimana per ricordarmi che ti sei registrato su linkcazzofacciaculobook(chino) e che vuoi che io mi registri? sei davvero così sciocco? o stronzo?
poi magari non ci sentiamo da mesi, forse anni. ti ho mandato più volte link con i miei lavori o il mio blog. hai mai risposto? col cazzo. allora mi devi triturare i coglioni perchè vuoi che ti faccia salire un counter delle cazzovisite?

spiacente, ho più a cuore la migrazione delle tartarughe nell’emisfero boreale.
lì sì che c’è adrenalina. un pò come quel tipo che conoscevo che andava a puttane, e ne caricava 4, di cui 3 erano in realtà maschi.
“ma ti piacciono i trans?”
“no, perchè?”
“allora perchè vai con 4 puttane quando sai che 3 in realtà sono maschi?”
“mi piacciono le sorprese, non voglio una vita piatta fatta di routine quotidiana!”
“la tua routine quotidiana è andare a puttane?!?”

non mi rispose, e guardò oltre, verso l’orizzonte.

love letter, varie ed eventuali.

28 maggio 2011

cara laura,

ti scrivo perchè penso di doverti qualche spiegazione. scusa se ho aspettato tanto, ma il tempo qui passa così lentamente….
partiamo dall’inizio. il giorno che impazzii, stavo consegnando l’ultima tavola del mio fumetto, “samurai reborn”. so che il titolo non ti è mai piaciuto, ma sai quanto me che spesso era l’editore ad avere l’ultima parola su queste cose. quel giorno mi recai dal grafico, e indossavo le mutande sopra i pantaloni. pensarono subito ad una mia stravaganza artistica, e ci ridemmo su.
ma io non me ne ero accorto.
insomma, mi ero alzato, vestito, e ad un certo punto mi resi conto che non avevo indossato le mutande. allora le infilai, ma avevo già sopra i pantaloni. il punto è che non mi sembrò affatto strano.
se devo essere sincero, forse qualche avvisaglia di pazzia c’era già da prima. ricordi le mie manie, piccole ossessioni, come quando dovevo per forza pulirmi i piedi su un tappeto prima di entrare in un locale, o quando non riuscivo a dormire se il tappeto sotto al letto non era perfettamente stirato. ci ridevamo su…forse quella era già pazzia?
dopo l’episodio delle mutande ne seguirono altri. cominciai a dimenticare cose banali. di accendere il cellulare. di guardare la mail. di chiudere a chiave la porta di casa. l’editore mi pressava, voleva che io continuassi la serie. disegnai un altro episodio, ma ebbi un problema. per 12 pagine disegnai sempre la stessa tavola, che si ripeteva, con qualche piccola differenza. differenze che vedevo solo io e che mi parevano giganti. non te ne parlai perchè in quel periodo non ci sentivamo. ad essere sincero, non ti pensavo. la mia visione delle cose stava cambiando… cominciai a vestirmi sempre uguale, con gli stessi jeans, la stessa maglia. ogni sera li lavavo per averli pronti il giorno dopo. un giorno un amico mi invitò per colazione, e all’improvviso mi venne in mente che non la facevo da un mese. mollai cellulare, mail, telefono, posta, campanello. tutto. ero irreperibile. spesso me ne stavo a spasso a disegnare quello che vedevo. mi piaceva molto disegnare la natura, e anche qualche scorcio della mia città. sparii per 2 giorni. quando tornai trovai l’editore a casa mia, ero in leggero ritardo con le tavole.
“dove cazzo eri? è 2 giorni che ti cerco!”
“ero a firenze.”
“a fare cosa?”
“a disegnare.”
smisi gli occhiali, non mi importava di vedere sfocato. le cose le riuscivo a guardare lo stesso, e se proprio volevo vederle bene allora mi avvicinavo, in modo da vederle anche meglio di prima. con gli occhiali mi sembrava di vedere bene, ma non era così.
non mi interessava più nulla di nulla, certe volte stavo ore al buio cercando di disegnare la stanza senza vederla. a memoria. poi ci provai con altri posti che conoscevo meno. era difficilissimo, pensavo di sapere come erano fatti la mia strada, per esempio, o i soliti locali che frequentavo… ma mi accorsi che non sapevo quasi nulla, davo tutto per scontato. pensai che se davo per scontato quello, chissà quante altre cose mi ero perso. cominciai a pensare di non aver visto mai il mondo in cui vivevo.
cara laura, tu, la mia famiglia, i miei amici…. nessuno di voi avrebbe potuto capire, e del resto eravate ormai l’ultimo dei miei pensieri. credimi, ti ho amato veramente, ma nel modo sbagliato. non so cosa mi venne in mente, ma mi piazzai sul tetto di casa mia e cominciai a guardarmi attorno, guardavo, disegnavo, confrontavo, rifacevo, seguivo i cambiamenti dell’ambiente circostante, contavo, studiavo ogni cosa. finchè qualcuno non chiamò la polizia. forse un vicino, o un familiare. non so.
venni cacciato dentro una clinica, manicomio, ospedale…. chiamalo come vuoi, a me non fa differenza. per i primi mesi non parlai con nessuno, poi cominciai a spiccicare qualche parola. cercai di far capire cosa volevo fare e qual’era il mio obiettivo, ovviamente. non mi interessavano le chiacchere inutili con cui prima ero solito passare il tempo. è anche per questo che ti scrivo: per gentilezza. mi dicono che volevi sapere come sto, ora lo sai, e sai anche che mi è successo, o almeno sai la mia versione. non pensare di venire a trovarmi, perchè per me sarebbe indifferente, e comunque sono occupato qui. devo disegnare tutto quanto, e tra una cosa e l’altra trovo anche il tempo per fare qualche tavola di “samurai reborn”. all’inizio mi avevano tolto carta e matita, dicevano che mi alienava, ma sono diventato violento su me stesso e su gli altri così ora mi concedono di disegnare. non è così male qui, ho tempo per il mio lavoro, e nessuno mi disturba. in camera mia ho 1600 piastrelle e riesco quasi a disegnarle tutte uguali.
ora ti lascio, spero di aver chiarito i tuoi dubbi.

ti invio un disegno che ho fatto mentre scrivevo questa lettera.

sincerità

22 maggio 2011

“intendiamoci. sei carina.”

era proprio così che le stavo dicendo. non se se per interesse o educazione, ma lei mi stava ad ascoltare.

“sei carina. sei simpatica, gentile. ci uscirei volentieri con te. se vuoi usciamo.”
“non so….non ho molto tempo….”
altro dubbio. forse voleva prendere tempo, oppure era un modo gentile per mandarmi a fanculo. un modo gentile, ma bugiardo. allora decisi di rincarare la dose.

“senti, siamo adulti, possiamo dirci le cose come stanno. sei carina, sei simpatica. ma non è che sei una superfiga. ti trascuri, credo che la tua igiene personale non sia in cima alle tue priorità. hai i capelli che sembrano sempre sciupati, e secondo me non usi il filo interdentale. dovresti. sei anche un pò cicciottella, ma è ok, qualche chilo di più non mi dispiace. hai due gran belle tette.”

non ero sicuro che mi stesse ascoltando ancora. però mi guardava.

“forse pensi che io ti desidero, e che quindi ti reputo perfetta, e non vedo i tuoi difetti. ma non è così; ci sono, e io li vedo. solo che saprei accettarli. e bada bene, mi vedi, non sono un ciccione brufoloso disperato, ho un bel fisico, e ritengo di essere abbastanza bello. ho un carattere discreto, sono sincero, gentile. ho i miei difetti, come tutti. ma li vedo.”

non parlava. presumo non sapesse che dire.

“quello che intendo è che sto chiedendo di uscire a te invece che a qualcun’altra, che magari è più bella di te e con meno difetti. e tutto sommato avrei anche qualche possibilità.”

mi disse che ero uno stronzo e che dovevo andare a fanculo.
“va bene.” dissi, mentre stava ancora parlando. non la lasciai finire, mi voltai e mi diressi verso il parcheggio. lasciò a metà una frase, cominciò a balbettare. non sentivo, ero già arrivato alla macchina.
salii, girai la chiave, misi la marcia e accesi la radio. suonavano “elephant” di damien rice.

micronarrativa: lui e lei.

20 aprile 2011

micronarrativa per te, solo per te, uomo che dopo 10 righe ti sei rotto il cazzo.
brevissimi racconti ricchi di eventi densi e importanti, raccontati in stile metronomo, solo per te, esclusivamente per te, lettore che hai le capacità cerebrali di una tazzina da caffè.

vuota.

c’è lui, e lo chiameremo francesco. poi c’è lei, la chiameremo elena.
lui è un ragazzo sui 25, tranquillo, normale, carino e timido. lei è di poco più giovane, bassa, molto bella e molto simpatica.
francesco e elena si conoscono, vanno d’accordo, lei è fidanzata con un ragazzo scemo e iper geloso, è annoiata da questa storia, comincia a frequentare francesco, un giorno si baciano perchè lui è interessato e lei lascia intendere di essere in rotta con il moroso e disponibile per francesco. dicevamo, si baciano, è estate, lei rimane lo stesso un pò confusa, vuole chiarire con il moroso, passa l’estate e lei evita francesco che la cerca e non capisce e vuole risposte. si sentono qualche volta ma non si vedono.
natale, lei lo contatta:

LEI: “ciao come stai?”
LUI: “insomma. mi dispiace che non ci vediamo più, non capisco perchè ti fai sentire adesso di punto in bianco”
LEI: “scusa, ho avuto un pò di problemi, sai….”

segue una serie di dialoghi semi inutili dove lui è incazzato per l’assenteismo di lei, e lei è incazzata perchè lui è incazzato e un pò scontroso.

altri dialoghi inutili.
stop ai dialoghi, si danno una sorta di addio litigioso.

francesco, che non è uno stronzo, dopo 4 mesi decide di contattarla almeno per sapere se lei sta bene, e si sente anche un poco in colpa, pensa di essere stato troppo brusco.
lei è felice, si parlano, salta fuori che quella volta a natale elena l’aveva cercato perchè aveva lasciato il moroso definitivamente e voleva stare con lui, ma non era riuscita a dirlo.
francesco è stupito e si sente una merda. si parlano ancora, e giungono all’epilogo della nostra storia.

lei è felicemente fidanzata da 2 mesi, è contenta come non era mai stata, quando ha conosciuto il suo attuale moroso non sentiva francesco da due mesi e l’aveva dato per perso, ora le dispiace un pò ma è felice ed è giusto così.

lui è felice per lei, sta di merda per sè stesso, ha perso il treno, si da del coglione ogni giorno che passa e passerà su questa cazzo di terra, la sera cena e sparecchia da solo, passa una mezz’oretta svogliata su you porn, lavora e la notte non dorme perchè pensa a quanto è stato pirla, appunto.
fine.

puttane

11 ottobre 2009

ovviamente il titolo serve solo a deviare qualche segaiolo su questo blog, hai visto mai che ritarda la sega e legge ciò che scrivo. scrivo di un sabato sera tra amici, una birra e un piatto di nachos? ok…. un sabato sera tra amici, una birra e un piatto di nachos. ah, c’era anche la salsa piccante. ecco fatto, ho scritto.
sapete che diceva proust? che desideriamo essere capiti perchè desideriamo essere amati, e desideriamo essere amati perchè amiamo. il che significa in parole povere che vogliamo essere amati e capiti, e per ottenere questo, cosa facciamo? amiamo e capiamo a nostra volta. lo sapeva proust, lo sapeva andrea pazienza che in una vignetta del suo libro “gli ultimi giorni di pompeo” disegna pompeo (ovvero sè stesso) che urla al mondo “AMATEMI!!!!”, e ora lo sapete anche voi. tanto alla fine lo sanno tutti, perchè siamo tutti esseri umani e vogliamo tutti essere amati e essere capiti, perchè possiamo raccontarci tutte le cazzate che vogliamo, ma alla fine come ci insegna homer simpson nell’episiodio numero 13 della sesta stagione, lui lo fa per lei. do it for her.

Simpsons6x13

her, ovvero sua figlia maggie, la terza, quella di cui non si ricorda mai il nome (bart femmina) ma per la quale ritorna strisciando a lavorare alla centrale nuculare, licenziandosi da quel fantastico lavoro al bowlarama. quindi noi vogliamo essere amati, capiti, e quello che facciamo alla fine lo facciamo per gli altri. non per piacere agli altri, ma per gli altri. perchè ci sono persone in questo mondo che ci fanno venire voglia di essere delle persone migliori, e ci impegnamo per esserlo. ma torniamo al discorso di proust. amiamo per essere amati. ok. do ut des. ma se questo bisogno l’abbiamo tutti allora perchè ci sono così tante persone sole? forse ci sono tante persone che amano ma che non riescono a trovare le persone che le amano di rimando perchè sono altrove? bhè….. per fortuna che c’è internet.

però i siti di incontri online per i maschi sono a pagamento, questa è discriminazione sessuale. e le donne ci perdono inconsapevolmente, perchè non potranno mai conoscere tanti begli uomini che non si registrano perchè è a pagamento. eh, quanti se ne perdono così.

quindi alla luce di ciò possiamo evincere che molte persone amano ma non sono amate. non lo trovate un pò triste? magari è il vostro caso….già vi ci vedo, che visto che non avete un lui/lei con cui stare state al pc e finite su questo blog, e magari mentre leggete qui dite “col cazzo, domani esco con il tale/la tale” e poi vi arriva un sms (visto che al giorno d’oggi ormai le notizie spiacevoli si dicono via sms) dove vi danno buca. vi va di raccontare le vostre buche? io ne ho una in giardino, dove metto la cacca dei cani. poi ne ho un’altra dove metto le tipe che mi danno buca. ironico, no?

e per far quadrare il titolo cito baglioni, che giustamente dice “e un’altra storia va a puttane, potessi andarci io”.